Operazione “Bazar”

Italia – Malta, 10 – 11 Ottobre 2002

 

“In sogno ho visto che stavamo sfidando gli americani in una partita di calcio. La nostra squadra era fatta di piloti.” – Membro di una cellula terroristica di Al Qaeda


Un nuovo successo per gli organi di intelligence italiani è stato conseguito nell’ ottobre 2002 grazie all’ operazione ” Bazar ” , condotta dagli uomini del Raggruppamento Operativo Speciale ( R.O.S. ) dell’ Arma dei Carabinieri . Nella notte tra il 10 e l’ 11 dello stesso mese , i militi della Benemerita hanno eseguito , su disposizione dei pm milanesi Massimo Meroni e Stefano Dambruoso , cinque arresti nei confronti di cittadini tunisini componenti di una presunta cellula terroristica di Al-Qaeda . Le indagini sono state condotte nell’ arco di un anno , coinvolgendo Interpol ed F.B.I. statunitense e con l’ apporto del Security Service maltese nelle fasi finali dell’ operazione .



Gli arresti sono stati eseguiti tra Napoli , Milano, Sanremo , e Malta . Gli arrestati rispondono ai nominativi di Nassim Saadi , 28 anni , residente ad Arluno ( Milano ) ; Said Ben Abdelhakim Cherif , 32 anni , residente a Milano ; Ben Khalifa Ben Ahmed Rouine Lazher , 27 anni , domiciliato a Rimini ; Imed Ben Mekki Zarkaoui , 29 anni , domiciliato a Vallecrosia ( Imperia ) e Hamadi Bouyahia , 36 anni , domiciliato a Milano . Quest’ ultimo è stato arrestato a Malta poco dopo la mezzanotte dagli operatori del Security Service e dell’ Immigration Branch del Malta Police Corps , i quali hanno fatto irruzione all’ interno di un appartamento in località Paceville , effettuando l’ arresto del sospetto ed il fermo di tre donne e sette uomini , connazionali del terrorista . Il Bouyahia era giunto sull’ isola di Malta lo scorso 30 settembre e sembra stesse raccogliendo fondi tra la ridottissima comunità musulmana locale , forse facendo uso dei ” centri di preghiera ” presenti in Malta ( uno fra questi è localizzato nell’ area di Sliema , non distante dal luogo dell’ arresto ) . Il terrorista verrà estradato in Italia nel pomeriggio di sabato 12 , dopo esser stato messo al corrente dall’ Ispettore Neville Xuereb , dall’ Assistente Commissario Andrew Seychell e dalla Dott.ssa Donatella Frendo Dimech ( il pool a capo delle indagini in Malta ) delle accuse mossegli , le quali includono falsificazione di documenti , ricettazione di beni rubati ed associazione terroristica . L’ ambasciatore tunisino a Malta , Abdessalem Hetira , interrogato in merito all’ accaduto dal quotidiano locale The Malta Independent , ha rifiutato di commentare i fatti .



Al momento degli arresti risultava invece ancora irreperibile Lotfi Rihani , 25 anni , residente in provincia di Como , mentre il settimo indagato , Hamsa ” il libico ” , è in carcere dallo scorso mese di maggio in Gran Bretagna e risulta essere il leader della cellula . Proprio dalle intercettazioni di telefonate tra questo ed uno dei figli di Bin Laden , gli investigatori del R.O.S. si sarebbero mossi per dare l’ avvio alle indagini , le quali avrebbero avuto inizio già nel giugno 2001 nell’ ambito di investigazioni sul Gruppo Islamico Armato ( G.I.A. ) . Hamsa è considerato, in base a fonti informative statunitensi , personaggio di spicco nel mondo del terrorismo islamico internazionale , e con incarichi operativi ( preparazione e realizzazione di attentati ) , e risulta aver soggiornato anche a Milano intrattenendo rapporti con altre cellule in Olanda , Spagna , Inghilterra e Francia , tutti Paesi nei quali si era recato dopo aver lasciato l’ Italia , luogo non più sicuro a causa della pressante attività di intelligence effettuata dagli organi nazionali . Hamsa aveva ricevuto l’ ordine di abbandonare l’ Italia proprio dai vertici di Al-Qaeda , riparati in Iran , e porsi ” in sonno ” . Il terrorista avrebbe comunque continuato a pianificare attentati ( quali un attacco all’ ambasciata U.S.A. in Olanda ) , venendo infine arrestato in Inghilterra per possesso di documenti contraffatti e su informazioni direttamente fornite alle controparti britanniche dalla C.I.A. statunitense e dagli apparati di sicurezza italiani .



Nell’ appartamento degli arrestati a Milano sono state rinvenute videocassette propagandistiche di Al-Qaeda , dieci tute mimetiche , e nastri contenenti i violenti sermoni anti occidentali di numerosi Imam ( ” capi spirituali ” di comunità musulmane ) . Tra le intercettazioni ambientali effettuate nell’ appartamento , figuravano frasi associabili agli attacchi contro il World Trade Center : ” Stiamo preparandoci per giocare una partita di calcio… tutta la gente non gioca a pallone . La gente che conosci e che ha voglia di giocare a pallone non sta giocando ” , dicono i terroristi . L’allusione alla partita di calcio era stata già utilizzata in occasione degli attentati dell’ 11 settembre , quando venne intercettata la seguente frase: ” La partita comincia domani ” . Le intercettazioni di questi giorni si riferiscono ad una telefonata ad un uomo non identificato , verso la Svezia , nella quale ricorrono i riferimenti alle parole pronunciate da Osama Bin Laden nell’ oramai tristemente noto video nel quale viene dichiarata la responsabilità per gli attentati : ” In sogno ho visto che stavamo sfidando gli americani in una partita di calcio . La nostra squadra era fatta di piloti “. L’imminenza dell’attentato traspare nella seguente affermazione : ” Adesso è disponibile il campo dove dobbiamo giocare al pallone . La gente è andata a giocare a pallone… te ne ho già parlato ( … ) Tutto è pronto . La partita è pronta , dobbiamo fare una partita… vinceremo , sempre vincitori . Non c’è sconfitta ” . Un’ altra frase si riferirebbe infine alla volontà dei terroristi di colpire l’ Italia : ” Adesso vedrai quello che succederà in Italia ( … ) sono sotto l’ America ( … ) vogliono obbedire all’ America ” . I terroristi sembravano pronti ad effettuare uno spaventoso attentato all’ interno di una metropolitana al fine di causare ” diverse centinaia di morti ” . La cellula farebbe parte di una vera e propria rete ramificatasi in tutta Europa , emanazione della cellula originaria del G.I.A. smantellata in Italia nel ’95 e che aveva a capo Lounici Djamel , condannato lo scorso 22 marzo dal tribunale di Napoli a otto anni di carcere per traffico di armi e documenti falsi .



Gli arrestati sono indagati per associazione sovversiva a fini di terrorismo internazionale , contraffazione di documenti e traffico di clandestini . L’ operazione fa parte di una serie di indagini volte ad eliminare la presenza di elementi terroristici in Italia . Sette altri tunisini vennero catturati a Milano nei primi mesi del 2002 con l’ accusa di aver aiutato operativi di Al-Qaeda nell’ ottenere documenti contraffatti . Tra i sette figura Essid Sami Ben Khemais reponsabile logistico delle operazioni terroristiche in Europa .



Le autorità italiane avrebbero usufruito delle rivelazioni del terrorista egiziano Abu Hani ( sospettato di essere la mente ideatrice di diversi attacchi suicidi in Afghanistan ) , il quale , in contatto con gli uomini della cellula , si sarebbe dovuto infiltrare in Italia facendo uso di documenti falsi e coordinare diversi attacchi nella penisola e nel resto d’ Europa . Hani è ritenuto essere l’ elemento di collegamento tra le cellule italiane ed asiatiche di Al-Qaeda , e dopo esser fuggito dall’ Afghanistan avrebbe trovato rifugio a Kuala Lumpur , in Malesia . Nato nel 1957 , è anche noto come Omar Lhazazba o Hani Jaserevic ( quest’ ultimo è il cognome della moglie serba ) . I suoi collegamenti con le cellule italiane risalgono al periodo nel corso del quale il terrorista combattè in Bosnia , ove conobbe l’ egiziano Sheik Anwar Shabban , a lungo residente a Milano .

IL NOSTRO STORE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close