G.I.S. Gruppo d’ Intervento Speciale – Selezione

Esercitazione volta alla risoluzione di un dirottamento aereo. A causa della ristrettezza degli spazi, verrano utilizzate pistole o pistole mitragliatrici H&K in versione Kurtz

Per entrare a far parte del reparto, gli aspiranti devono avere un’ età massima di trentadue anni ed essere in servizo da almeno quattro anni all’ interno dell’ Arma dei Carabinieri (anche se alcuni operatori risultano aver partecipato alle selezioni prima dei quattro anni in questione), specificamente nel 1° Rgt. Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”. La fase di pre-selezione si articola nell’ arco di due settimane e consta dei seguenti esami:


Test fisici e medici: aventi lo scopo di testare la resistenza fisica e le condizioni mediche degli aspiranti;

Test psico-attitudinali: ideati onde valutare quelle doti di equilibrio, autocontrollo, forza di volonta’ e determinazione che consentano di operare e prendere decisioni rapidamente ed in condizioni di stress massimo, poiche’ (val la pena ricordarlo) il primo obiettivo di ogni membro del G.I.S. e’ quello di preservare la vita umana;


Intervista: un’ intervista approfondita con il candidato consente di valutare le motivazioni che lo hanno spinto a fare domanda di selezione per il reparto.

Superati i test preliminari, ha inizio il corso base, il quale ha una durata di ventiquattro settimane e si articola come segue:



Operatori in caduta libera stringono in pugno il vessillo del gruppo foto www.carabinieri.it)L' arresto di un sospetto nel corso di un' esercitazione. Si noti la pistola Beretta FS munita di torcia


– Corso di lingua inglese (la quale deve esser padroneggiata perfettamente);

– Elementi di combattimento corpo a corpo;

– Tiro rapido e discriminante con armi corte e lunghe;

– Utilizzo e disinnesco di piccole cariche esplosive (quali le cariche “sagomate” impiegate per le irruzioni);

– Tecniche di arrampicata;

– Discesa di pareti o da elicottero (per quest’ ultimo, “barbettone” e corda doppia);

– Close Quarter Battle;

– Impiego di supporti tecnici speciali in dotazione al reparto;

– Guida veloce;

– Tecniche di irruzione in aerei, navi, treni, ed autobus (nel caso degli aerei, il corso e’ tenuto presso l’ Aeroporto Internazionale Leonardo Da Vinci di Roma).



Operatori ripresi nella propria base di Livorno

Tutti gli idonei sono in seguito ammessi ai seguenti corsi di specializzazione, i quali si articolano in circa dieci mesi:

– Paracadutista T.C.L. (Tecnica Caduta Libera);

– Istruttore di tiro;

– Tiratore scelto;

– Istruttore di arrampicata (presso la Scuola Alpina dei Carabinieri a Selva di Val Gardena);

– Esperto di esplosivi;

– Sciatore ;

– Subacqueo (presso il Varignano, sede del COM.SUB.IN.);

– Istruttore di difesa personale.

 

Tutti gli operatori frequentano inoltre corsi di storia dell’ideologia terroristica, archiviando e studiando la risoluzione di crisi da parte delle unità di forze speciali di tutto il mondo. Molta enfasi è ovviamente posta sulle abilità di tiro. Ogni operatore esplode circa 10.000 colpi all’ anno, principalmente in modalità singola, onde non sacrificare la precisione di tiro. L’ addestramento ha luogo su tutto il teritorio italiano e, ove possibile, esso avviene in luoghi ove il reparto potrebbe essere chiamato ad intervenire.


Lancio H.A.L.O. (High Altitude Low Opening) nel corso di un addestramento. La tecnica e' anche nota come Military Free Fall (M.F.F.) ed implica l' apertura del paracadute dopo una caduta libera di migliaia di metri

Storia >

Struttura >

Selezione >

Armi e Mezzi >

Ambito Operativo >

Attività Operative >

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close