DEV.GRU. – Naval Special Warfare Development Group – Attività Operative

Ottobre 1983, Grenada, operazione “URGENT FURY”: il SE.A.L. Team Six è operativo sull’ isola di Grenada con il compito di effettuare l’ evacuazione del Governatore Sir Paul Scoon, bloccato all’ interno della propria residenza e per il cui salvataggio è stato necessario il supporto di una “canoniera volante” C-130 Spectre. Il SE.A.L. è stato inoltre responsabile della presa di una stazione di trasmissione. Quattro operatori hanno inoltre perso la vita nel corso di un inserimento in mare tramite elicottero.

Giugno 1985, Algeri / Beirut: il Team Six ed il 1st S.F.O.D.-D. sono allertati al fine di effettuare la liberazione dei passeggeri del volo TWA 847, sequestrato da estremisti sciiti ad Atene e costretto ad atterrare presso Algeri (Algeria). Il Governo locale non autorizza però l’ intervento delle unità. L’ aereo si dirige infine a Beirut, dove gli ostaggi vengono dispersi per tutta la città, rendendo impossibile ogni tentativo di salvataggio. Uno degli ostagggi (in servizio quale subacqueo alla U.S. Navy) viene ucciso nel corso del sequestro.


Fast roping a bordo di una unità navale statunitense, da un elicottero HH-60H Seahawk.
Fast roping a bordo di una unità navale statunitense, da un elicottero HH-60H Seahawk.


SE.A.L. armato di pistola mitragliatrice Hckler&Koch MP-5 SD, munita di silenziatore integrato e puntatore laser.
SE.A.L. armato di pistola mitragliatrice Hckler&Koch MP-5 SD, munita di silenziatore integrato e puntatore laser.

Ottobre 1985, Mar Mediterraneo: il 7 ottobre 1985, un commando terroristico palestinese costituito da quattro elementi (e guidato da Mohammad “Abu” Abbas), pone in essere il dirottamento della motonave “ACHILLE LAURO”, con a bordo 400 passeggeri. Nella base della Royal Air Force britannica di Akrotiri (Cipro), commandos della 1st S.F.O.D.-D. e del SE.A.L. Team Six statunitensi ed operatori del Col Moschin unitamente ad i colleghi del GO.I. del COM.SUB.IN., vengono riuniti onde lanciare una operazione congiunta volta alla riacquisizione del vascello dirottato. Gli uomini del G.O.I., imbarcati sull’ incrociatore portaelicotteri Vittorio Veneto, si trovarono ad esser i maggiormente vicini all’ obiettivo, quando i dirottatori optarono per la resa in acque territoriali egiziane (non prima di aver ucciso Leon Klinghoffer, un cittadino statunitense di religione ebraica, costretto sulla sedia a rotelle). I terroristi vennero successivamente imbarcati su di un Boeing 737 egiziano, scortati dall’ unità per il controterrorismo Sa’ aqa. L’ apparecchio fu però costretto ad atterrare presso la base militare di Sigonella (Sicilia), da due intercettori statunitensi. L’ aereo venne accolto da unità della Delta Force e del SE.A.L. Team Six, pronti ad effettuare l’ arresto dei terroristi a bordo. Ma l’ operazione fallì a causa dell’ intervento dei Carabinieri in servizio all’ interno della base. I due gruppi arrivarono a puntarsi contro le armi ed alla fine gli italiani ottennero la custodia del commando. Il leader del gruppo, Mohammad “Abu” Abbas, datosi successivamente alla latitanza, sarà arrestato dalla Delta Force a Baghdad il 16 aprile 2004, sotto informativa del Servizio per le Informazioni e la Sicurezza Militare (S.I.S.Mi.) italiano.


Operatori sbarcano su di una spiaggia nel corso di una esercitazione. Il milite in primo piano è armato di una mitragliatrice di squadra M-249 SAW (Squad Automatic Weapon) Minimi, in cal.5.56X45mm. I restanti operatori sono equipaggiati con fucili d' assalto Colt M-16, anch' essi camerati per lo stesso calibro
Operatori sbarcano su di una spiaggia nel corso di una esercitazione. Il milite in primo piano è armato di una mitragliatrice di squadra M-249 SAW (Squad Automatic Weapon) Minimi, in cal.5.56X45mm. I restanti operatori sono equipaggiati con fucili d’ assalto Colt M-16, anch’ essi camerati per lo stesso calibro.

20 dicembre 1989 / 31 gennaio 1990, Panama, operazione “JUST CAUSE”: l’ unità è parte della Task Force White, unitamente al SE.A.L. Team Two ed al 1st S.F.O.D.-D., con il compito di catturare il barone della droga Manuel Noriega, detto “faccia d’ ananas”.

1990, Panama, operazione “POKEWEED”: il Team Six è nuovamente attivo a Panama, allo scopo di effettuare la cattura del boss del narco traffico Pablo Escobar. Il Team opera dalla portaerei USS Forrestal, ma la missione fallisce a causa della scarsa qualità delle informazioni fornite dall’ intelligence.


1991, Haiti: con il favore delle tenebre, il SEA.L. Team Six si occupa del recupero del deposto Presidente haitiano Jean Bertrand Aristide, appena destituito da un colpo di stato sull’ isola di Haiti.


Gennaio 1991, Iraq, operazione “DESERT STORM”: l’ unità è parte del piano di contingenza che prevede l’ abbattimento dell’ elicottero del sanguinario dittatore iracheno Saddam Hussein, per mezzo di missili spalleggiabili terra-aria Stinger. L’ operazione non andò mai oltre la fase di pianificazione.


SE.A.L.s a bordo di un veicolo off-road Chenworth, nel 1991 in Kuwait.
SE.A.L.s a bordo di un veicolo off-road Chenworth, nel 1991 in Kuwait.

Ottobre 1993, Somalia, operazione “GHOTIC SERPENT”: il Team Six si unisce al 1st S.F.O.D.-D., ai Rangers ed al 160th S.O.A.R. (Special Operations Aviation Regiment), nelle operazioni di ricerca e cattura di personalità appartenenti al clan di Mohammed Farah Aidid e dello stesso Aidid. Nome in codice per la missione, “GHOTIC SERPENT”. Operatori del Team Six prenderanno inoltre parte al recupero della task force imprigionata nell’ area del mercato di Bakara (Mogadiscio), il 3 ed il 4 ottobre 1993.


Operatori SEA.L. armati di H&K MP5.
Operatori SEA.L. armati di H&K MP5.

Agosto 1996, Atlanta, Giochi Olimpici: il Team Six ed il 1st S.F.O.D.-D. sono attivati in occasione dei Giochi Olimpici tenutisi ad Atlanta (Georgia), in veste di squadre di riserva per il salvataggio ostaggi, essendo tale incarico primariamente affidato all’ Hostage Rescue Team dell’ F.B.I., responsabile per il controterrorismo su suolo nazionale.


1998, Bosnia: l’ unità è dispiegata nei Balcani per effettuare la cattura dei criminali di guerra serbi, unitamente al 1st S.F.O.D.-D. ed allo S.A.S. britannico. Tale dispiegamento potrebbe essere tuttora in atto.


Settembre 2001 / … , OPERAZIONE “ENDURING FREEDOM”: il Team Six è impegnato in Afghanistan per effettuare la cattura o l’ eliminazione di figure chiave di Al Qaeda e del regime talebano. L’ unità avrebbe visto attivazione anche nell’ area delle Filippine, a seguito del piccolo contingente statunitense inviato nel Paese.


2003/ …, Iraq, operazione “IRAQI FREEDOM”: dispiegamento operativo in Iraq, presumibilmente per porre in essere la cattura o l’ abbattimento di elementi del regime di Saddam Hussein e del partito Baath.


1º Maggio 2011, Abottabad, Pakistan: operazione “NEPTUNE SPEAR” (DEV.GRU, 160TH S.O.A.R., S.A.D):l’unita’ pone in essere l’eliminazione del leader di Al Qaeda Osama Bin Laden.



Storia >

Struttura >

Ambito Operativo >

Attività Operative >

 

IL NOSTRO STORE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close