Ecco perché non vedremo mai le foto del corpo di Osama Bin Laden

La carabina HK416

Robert O’Neill, l’operatore del SEAL Team Six al quale e’ stato attribuito il colpo fatale che ha ucciso Osama Bin Laden, racconta nel suo ultimo libro, “The Operator”, la ragione che porto’ alla secretazione delle foto del corpo del leader terrorista. Quando O’Neill sparo’ a Bin Laden infatti, i proiettili della sua carabina HK-416 provocarono l’apertura in due della testa del terrorista, tanto che i SEALs dovettero ricongiungere entrambi i lati del cranio prima di scattare le foto identificative.


Robert O’Neill, l’operatore del SEAL Team Six al quale e’ stata attribuita l’eiliminazione di Osama Bin Laden

Ma c’e’ di piu’. Sembra che piu’ di un operatore abbia piazzato un colpo nel corpo oramai senza vita di Bin Laden, tanto da contare ben un centinaio di fori di proiettile nel cadavere. Alla fine si decise di non pubblicare le foto per non causare l’indignazione dei settori liberali dell’opininone pubblica e non infervorare ulteriormente gli animi degli estremisti islamici nel mondo. Nel Novembre 2012, in risposta ad una richiesta da parte dell’Associated Press, il Dipartimento della Difesa USA dichiaro’ di non essere stato in grado di trovare foto o video del corpo di Bin Laden.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close