In morte di un Eroe russo.

Alexander Prokhorenko.
Alexander Prokhorenko.

“Muore giovane chi e’ caro agli dei”. Con queste parole scritte da Menandro, drammaturgo dell’antica Grecia, si vuol spesso cercare giustificazione per coloro i quali muoiono in giovane eta’. La stessa frase potrebbe essere utilizzata come epitaffio per tutte le giovani vite di soldati spezzate dalla guerra, come quella di Alexander Prokhorenko. Alexander era quel venticinquenne operatore delle forze speciali russe che, vedendosi accerchiato dai terroristi dell’Islamic State (I.S.), ha chiamato un attacco aereo direttamente sulla sua posizione, uccidendo il nemico ed evitando la cattura.

La notizia e’ stata divulgata alla stampa il 24 Marzo, dal portavoce del contingente russo di stanza presso la base di Hmeymim.

Alexander faceva parte dell’unita’ speciale Vympel del Servizio Federale di Sicurezza russo (Federal’naya sluzhba bezopasnosti Rossiyskoy Federatsii), e stava partecipando alle operazioni per la riconquista della citta’ di Palmira, in Siria. Stando alle informazioni divulgate dal comando russo, il compito del militare, e di molti altri nella sua unita’, era quello di effettuare ricognizioni avanzate in aree in mano all’I.S., al fine di individuare le posizioni nemiche, e permettere agli aerei dell’aviazione russa di distruggerle. Alexander ed i suoi colleghi si trovavano nella citta’ di Tadmor, non lontano da Palmira. L’incarico di Alexander era talmente segreto che neanche la giovane moglie Ekaterina, incinta del loro primo figlio, sapeva che il marito stesse combattendo in Siria.

Prokhorenko era un operatore dell'unita' speciale Vympel.
Prokhorenko era un operatore dell’unita’ speciale Vympel.

Quel giorno a Tadmor, qualcosa deve essere andato storto per Alexander, che resta isolato e viene individuato dai terroristi. Ne nasce un conflitto a fuoco disperato. Alexander tenta di sganciarsi, ma finisce ben presto senza munizioni. Il milite e’ circondato, ma non c’e’ nessuna unita’ disponibile per effettuare una missione di Combat Search and Rescue (C.S.A.R.) e recuperarlo. L’ operatore conosce perfettamente quale sara’ il suo destino in caso di cattura. A tutti i militari russi inviati a combattere in Cecenia e Siria, vengono da sempre fatti visionare i video delle torture inflitte dai mujahedin afghani sui soldati russi negli anni ’80. Il messaggio e’ chiaro: lasciate l’ultima pallottola per voi stessi.

Il militare si attacca alla radio, e prende l’unica decisione possibile.


Alexander: Comando, sono compromesso. Ripeto: sono compromesso.

Comando: ripeti e conferma.

A: mi hanno individuato, stanno sparando in ogni direzione e sono bloccato. Richiedo l’estrazione immediata.

C: richiesta di estrazione ricevuta.

A: per favore fate in fretta, sono a corto di munizioni e sembrano essere ovunque, non potro’ respingerli a lungo, per favore sbrigatevi.

C: confermato, respingili, continua a sparare, muoviti in una posizione sicura, il controllo aereo ti sta seguendo, inviaci le tue coordinate.

A: (vengono inviate le coordinate)

C: (le coordinate vengono ripetute dal Comando)

A: confermato. Per favore fate in fretta, ho quasi finite le munizioni, mi stanno accerchiando, bastardi.

C:  12 muniti all’estrazione, ritorna all’area sicura. Ripeto: ritorna all’area sicura.

A: sono vicini, sono circondato, questa potrebbe essere la fine… per favore dite alla mia famiglia che li amo tanto.

C: ritorna alla linea verde, continua a rispondere al fuoco, sta arrivando aiuto, seguito dal supporto aereo.

A: negativo, mi hanno circondato, ce ne sono troppi di questi bastardi.

C: 10 minuti all’estrazione, fai ritorno alla linea verde.

A: non posso. Mi hanno circondato e si stanno avvicinando, fate presto per favore.

C:  fai ritorno alla linea verde. Ripeto: fai ritorno alla linea verde.

A: sono la’ fuori, effettuate l’attacco aereo adesso per favore, sbrigatevi… questa e’ la fine… dite alla mia famiglia che li amo e che sono morto combattendo per la mia Patria.

C: negativo, fai ritorno alla linea verde.

A: Comando non posso. Mi hanno circondato, sono la’ fuori, non voglio che mi catturino e mi usino come trofeo, effettuate l’attacco… ridicolizzeranno me e la mia uniforme… Voglio morire con dignita’ e portarmi appresso tutti questi bastardi. Per favore, il mio ultimo desiderio, effettuate l’attacco, altrimenti mi uccideranno.

C: conferma la tua richiesta.

A: Sono la’ fuori, questa e’ la fine comandante…. grazie, dica alla mia famiglia ed al mio Paese che li amo. Dite loro che sono stato coraggioso e che ho combattuto finche’ potevo. Per favore, prendetevi cura della mia famiglia, vendicate la mia morte, addio comandante, dica alla mia famiglia che li amo.

C: (il comando non risponde ed ordina l’attacco aereo).

Alexander con la moglie Ekaterina il giorno delle nozze.
Alexander con la moglie Ekaterina il giorno delle nozze.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito - The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close